Compiti a casa: che borsa di genitori

Da un articolo giornalistico è comparsa e messa in evidenza senza merito la lamentela di un genitore in merito agli eccessi di compiti a casa agli studenti. Una lamentela che non meriterebbe nemmeno di essere ascoltata e tantomeno scritta, ma tant’è. Allora bisogna rispondere alla lamentela in modo succinto e breve: è decisamente meglio che gli studenti si dedichino ai compiti che ad ascoltare le baggianate che dicono alcuni genitori. I compiti svolti in piena autonomia dagli studenti è strumento e metodo per migliorare le capacità e le competenze: nessuno studente si è mai ammalato da compito”.

VIDEO SEMINARI

"C'è un sentimento diffuso di sfiducia. Anche perché ci sono eventi che disilludono, promesse che vengono a mancare, e quindi l'elemento della confidenza anche nei legami più intimi diventa problematico. C'è una riserva di coscienza. Quasi che gli uomini non volessero consegnarsi agli altri con un implicito, un sentimento di autosufficienza.In una società giocata sulla competizione, sul farcela da soli, l'altro è più visto come un partner competitivo piuttosto che qualcuno di cui fidarsi".#SalvatoreNatoli

Pubblicato da BPER Forum Monzani su Sabato 1 dicembre 2018

Raffaello alle Scuderie Quirinale

× How can I help you?